Seleziona una pagina

IL MUSEO DIFFUSO DI CULTURA CONTADINA DI VELVA

Costruito secondo un modello di museo diffuso, si articola in una serie di spazi espositivi, ubicati in diversi edifici del centro storico, che consentono la permanenza di manufatti, attrezzi ed utensili nel loro ambiente originario.
L’itinerario di visita al Museo diventa quindi nel contempo, un percorso all’interno del suggestivo patrimonio storico-culturale del paese di Velva.

Questo sito web è stato realizzato insieme ad altri interventi per il MuVel nell’ambito del progetto Racine finanziato dal Programma Interreg Italia-Francia Marittimo 2014-2020 in convenzione con Regione Liguria.

IL PAESAGGIO

Velva si trova a 410mt s.l.m. nella parte alta della Val Petronio, una valle molto aperta e ben esposta, alle spalle di Sestri Levante. La copertura vegetale vede il Castagneto come pianta dominante con testimonianze della sua presenza già dall’alto medioevo, in particolare sulla sommità sinistra della Valle (zona di Vasca e San Nicolao). Nella parte più bassa è l’Uliveto a caratterizzare il paesaggio, il vigneto è comunque diffuso in tutte le frazioni. Per azione dell’uomo il paesaggio è classicamente ligure con buona parte dei versanti terrazzati.

LA NOSTRA STORIA

Il territorio, il suo patrimonio culturale e la comunità insediata hanno rappresentato i fattori principali di riferimento che hanno guidato, in ogni sua fase, la costituzione di MuVel.
Il concetto costitutivo è quello del Museo Diffuso, dove il centro storico di una borgata – quella di Velva – diventa non solo il contenitore, ma parte integrante del museo stesso, ospitando all’interno dei locali caratteristici degli edifici – quali antiche cantine, “fondi”, scantinati e ambienti domestici – le diverse sedi espositive riguardanti momenti e temi specifici della realtà culturale tradizionale.
Il museo si propone di illustrare, attraverso l’esposizione di oggetti, attrezzature e ambienti – supportati da documenti, immagini, supporti multimediali ed audiovisivi – il contesto culturale della vita quotidiana di una comunità tradizionale del nostro entroterra.

LE TRADIZIONI CONTADINE

Gli ambienti scelti per la loro tipologia e specificità contribuiscono ad evidenziare le differenze storicamente esistenti nei vari settori del contesto comunitario locale, caratterizzato da una marcata stratificazione sociale, rimuovendo l’immagine stereotipata di un “mondo contadino” piatto e omologato.
Così, nel contesto abitativo si affiancano e si confrontano gli spazi domestici vissuti da un nucleo familiare colonico mezzadrile con quelli propri di una famiglia di medi proprietari/artigiani e quelli di una famiglia padronale; mentre in quello produttivo si confrontano gli spazi e l’organizzazione di una piccola cantina colonica con quelli di una cantina di grandi proprietari terrieri.
La “bottega” artigianale rappresenta un elemento caratteristico ed importante della vita di comunità; nel nostro caso la bottega del falegname/bottaio risultava principalmente al servizio della attività agricola di produzione vinicola.
Così la “bottega” del carraio rappresenta la testimonianza di una attività di trasporti storicamente radicata nella comunità velvese, che trova riscontro in molteplici tracce proprie di una economia di servizio correlata al passaggio nella borgata dell’importante via commerciale che collegava la riviera con le terre padane.

virtual tour

Coffee Bean

QR CODE

I visitatori avranno in dotazione un tablet che se puntato su oggetti all’interno del museo, sarà in grado di riconoscerli e aprire contenuti di approfondimento.

AGGIORNAMENTI DA VELVA

Realizzazione di archivio e laboratorio dendrocronologico

Realizzazione di archivio e laboratorio dendrocronologico

È in corso, all’interno degli spazi museali, una prima fase di realizzazione di un locale avente funzione di archivio e laboratorio dendrocronologico, in cui sono raccolti, catalogati e scientificamente “misurati” diverse centinaia di campioni lignei, provenienti da...

APPROFONDIMENTI

Dal mulino alla pentola

Da un esame della dieta contadina tradizionale – qualsiasi sia il livello socio-economico trattato - emerge l’importanza rivestita in essa dalle “farine”, siano esse provenienti da cereali o da castagne. Il loro utilizzo trovava impiego - sia "in purezza” che...

La lavorazione della terra

L'orografia del territorio della nostra zona - che si sviluppa quasi totalmente su pendii collinari spesso di accentuata acclività - ha determinato che la tipologia del panorama coltivativo fosse quella del terrazzamento, dove le fasce ricavate con costruzione di...

Il ciclo di lavorazione del vino

Il tipo di vitigno tradizionale locale è la bianchetta o albarola – gianchètta - e il vermentino -  vermentìn - per il bianco,   il ciliegiolo e dolcetto –  munferà - per il rosso. Il periodo della vendemmia si orientava attorno la seconda metà di...

VISITE

FESTIVI E FERIALI

Su prenotazione

CONTATTI

TELEFONO

+39.0185.408016
+39.347.5569715

Mail

info@muvel.it

INDIRIZZO

Velva Centro Storico
Via alla Chiesa, 16030
Castiglione Chiavarese GE